f

martedì 21 novembre 2017

IT'S TIME TO... # 81 "Shylon Dhark Il ragazzo venuto dal nulla" di Michelle Bardelli


Buongiorno lettori!
Ritorna IT'S TIME TO...  la rubrica a cadenza casuale che vuole parlarvi delle ultime uscite in self e per le varie case editrici! 
Oggi la protagonista è Michelle Bardelli, neo laureata che ama inventare mondi e raccontare storie da quando era bambina e la scorsa settimana ha pubblicato il suo primo romanzo in self publishing, il racconto di un ragazzo alla ricerca di se stesso ma soprattuto della sua libertà. Se volete scoprire di più su Shylon Dhark Il ragazzo venuto dal nulla vi invito a leggere la sinossi e l'estratto qui sotto e di supportare questa nuova autrice!



Titolo: Shylon Dhark – Il ragazzo venuto dal nulla
Autore: Michelle Bardelli 
Casa editrice: Self publishing
Data di uscita: 18 novembre 2017
Pagine: 371
Prezzo: 2,99 (ebook), 13,99 (cartaceo - disponibile a breve)


Shylon è un ragazzo che non esiste, non possiede un passato, persino il suo nome non gli appartiene ma gli è stato imposto dall’uomo diventato suo padrone, dopo che è stato trovato in un cassonetto della spazzatura da bambino. Marchiato come schiavo, desidera una sola cosa al mondo: la sua libertà. Con niente più che un cristallo al collo cui potersi aggrappare, la fuga è il suo unico obiettivo. Tuttavia, prossimo al successo, il Lord frantuma ogni sua speranza con un’adozione ufficiale che lo legherà a lui in modo definitivo. Spezzato tra due vite ormai incompatibili dovrà affrontare le conseguenze di una scelta che non ha compiuto, cercando di risolvere il mistero del suo passato, la cui risposta sembra essere sempre stata a portata di mano, gelosamente custodita da colui che controlla la sua vita.

sabato 18 novembre 2017

Recensione: "La saga del Dominio Le lame di Myra" di Licia Troisi

Buongiorno lettori!
Avrei dovuto pubblicare questa recensione prima ma non ho trovato il tempo adatto per mettermi a scrivere una degna recensione per questo primo capitolo de La saga del Dominio. Se mi seguite sapete che mi piace molto Licia Troisi, è una delle mie scrittrici preferite e appena esce un suo romanzo corro a comprarlo il prima possibile. Con Le lame di Myra inizia una nuova saga e mi ha colpito tantissimo, mi ha appassionato e intrigato tantissimo e non vedo l'ora di leggere il seguito (Il fuoco di Acrab è già tra le mie mani e vi annuncio che lo leggerò a breve e ve lo recensirò quanto prima).
Detto questo la scheda del libro e sotto la mia recensione ;)



Titolo: La saga del Dominio Le lame di Myra
Serie: La saga del Dominio #1
Autore: Licia Troisi 
Casa editrice: Mondadori
Collana: Chrysalide
Data di uscita: 25 ottobre 2016
Pagine: 382
Prezzo: 19 (copertina rigida), 12,50 (copertina flessibile), 7,99 (ebook)


Dopo l'apocalisse dei Cento Giorni d'Ombra, il Dominio è stato quasi interamente ricoperto di ghiacci e nevi. Solo le terre più a Sud rimangono temperate e rigogliose, mentre a Nord si muovono popoli in costante lotta per la sopravvivenza, spesso in guerra tra loro. La grande federazione di clan agli ordini di Acrab ha però un sogno molto più grande che la conquista di un pezzo di terra. Lui non vuole solo trovarsi uno spazio all'interno del Dominio, ma vuole rovesciarlo, distruggendo il potere dei maghi detti Camminanti. La loro magia, infatti, sfrutta la sofferenza degli Elementali, che i Camminanti hanno ridotto in schiavitù, mentre Acrab immagina un regno dove umani ed Elementali convivano. La strada per arrivarvi, però, passa attraverso la conquista dei numerosi regni che compongono il Dominio, una cruenta battaglia dopo l'altra. In prima fila nell'esercito di Acrab vi è Myra, che il comandante ha salvato dall'arena degli schiavi e cresciuto come una figlia. La sua abilità con i walud, le spade a forma di mezzaluna, ha assicurato all'esercito di Acrab la vittoria in più di un'occasione. Ora, però, Myra ha un'altra e più personale battaglia da combattere. A differenza di quanto ha sempre creduto, ha scoperto infatti che la sua famiglia non è stata uccisa per una disputa sulla terra, ma per un segreto che porta alla morte chiunque ne venga a conoscenza. Myra parte così alla ricerca della verità...


Quando a suo tempo avevo partecipato al Blog tour di questo romanzo e avevo parlato dei suoi personaggi lo avevo detto (predetto forse) che Myra mi ricordava molto Nihal, la protagonista della prima trilogia fantasy di Licia Troisi, Cronache del Mondo Emerso, e non nego che sotto molti punti di vista ho trovato dei legami con questa serie e ho provato le stesse forti emozioni che avevo provato la prima volta che ho letto un romanzo di Licia. 

Come potete leggere nella sinossi, la storia parte con Myra che decide di abbandonare colui che l'ha cresciuta come una figlia dopo la morte dell'uomo che considerava suo padre: Acrab è un guerriero che ha il progetto di conquistare tutto il Dominio con Myra al suo fianco. La ragazza però vuole scoprire la verità e abbandona Acrab intraprendendo un viaggio che la porterà lontano e le farà conoscere vari personaggi, a incominciare da Icenwharth, un drago dei ghiacci che segue e aiuta la ragazza per motivi non del tutto chiari (insomma, parliamo di un drago dopotutto!); poi la nostra eroina conosce due nuovi compagni di viaggio nelle figure di Marjane, una schiava che Myra aiuta a fuggire e da quel momento in poi non riesce ad allontanarla, e Kyllen, un mago che sfrutta in maniera positiva il potere degli Elementali, gli spiriti della natura che i Camminanti sfruttano senza ritegno (e per rimanere in tema chi non ha pensato a quanto Kyllen ricordi il caro Sennar? Su, alzate la mano non posso essere l'unica!). 

Il viaggio di Myra la porterà sempre più lontano da Acrab ma le permetterà di capire la verità sul suo passato e sulla morte di Fadi, il suo padre adottivo. Un ricerca piena di misteri che verranno risolti solo in parte e nella quale la nostra eroina rischierà anche la vita. E nel mentre seguiamo anche lo stesso Acrab che mette in atto il suo piano di conquista del Dominio più determinato che mai. 

lunedì 13 novembre 2017

Wrap-Up # 19 Ottobre 2017

Buongiorno lettori!
Dopo Manga's Corner non potevo non pubblicare (ovviamente) il Wrap-Up di ottobre con le mie ultime letture. Diciamo che il mio post sulla crisi e la conseguente pausa ha un po' bloccato la mia stesura di recensioni, ma ho letto un buon numero di libri, appena comprati e che mi hanno soddisfatto, ne sono rimasta contenta ed è quello che conta, no? Quindi qui sotto trovate l'unica mia recensione del blog The Ghostwriter (che per la cronaca è in lizza per i Goodreads Choice Award 2017 nella categoria Mistery&Thriller e meriterebbe tantissimo la vittoria quindi votatelo!) e poi le altre mie letture del mese :)



The Ghostwriter di Alessandra Torre
Alessandra Torre sa come stupire il lettore: la storia di The Ghostwriter è davvero intrigante ed appassionante, sia per come è narrata, sia per la storia in sé. Helena è un personaggio molto particolare, che rivela i suoi sentimenti solo quando si tratta del presente, perché il passato è off-limits e ne rivela piccole cose, a poco a poco, capitolo dopo capitolo nel corso di tutto il romanzo. La Verità si scoprirà davvero solo all'ultima pagina e forse solo in quel momento capiremo veramente il suo essere, il dolore che ha provato in tutti gli anni e come è riuscita a trovare la pace solo con la scrittura di questo suo ultimo romanzo. Un romanzo dentro un romanzo, con le pagine che Helena è determinata a scrivere e con la narrazione della sua battaglia contro la malattia e della vicinanza di alcune persone che rispettano il suo volere ma che le stanno affianco, la aiutano per quanto lei gli permetta di farlo. Il punto di vista di Helena è quello principale ma a volte cede la parola a quello degli altri personaggi della storia per poter vedere anche solo per un attimo come lei appaia ai loro occhi. Io stessa ho pensato per gran parte del romanzo di aver capito tutto, ma mi sono ricreduta nelle ultime pagine, con la completa rivelazione della verità e la toccante conclusione del romanzo, davvero inaspettata e sconvolgente. momento che ci ha letteralmente cambiato la vita in un modo o in un altro, in positivo o in negativo. E non potrete negare che Helena vi mancherà una volta girata l'ultima pagina.
5 stelle



Sword art online Aincraid 2 di Reki Kawahara (storia) e abec (illustrazioni)
Ho preso questo volume pensando di scoprire cosa succederà a nostro Kirito adesso nel mondo reale e pronto a ritrovare la sua Asuna, ma invece mi sono ritrovata con delle storie extra ambientate su Aincraid che hanno per protagonista Kirito, la stessa Asuna e alcuni personaggi secondari molto interessanti (per la cronaca rileggendo la trama lo si dice, si dice che ci sono dei racconti extra e non il proseguo della storia principale, ma l'ho realizzato solo dopo aver iniziato il secondo racconto). Detto questo se amate il mondo di SAO è bello leggere dei suoi personaggi in una maniera alquanto quotidiana, scoprire un lato diverso di loro, fatto di dubbi e di momenti di pace, dove non si combatte e basta. Mi è piaciuto e mi ha divertito, ma adesso devo correre assolutamente a proseguire la storia perché VOGLIO SAPERE! 4 stelle



Il disastro siamo noi di Jamie McGuire
Ho sempre adorato i romanzi di Jamie McGuire anche se gli ultimi legati ai fratelli Maddox (parlo in particolare di Trent, che ho letto sapendo già il twist finale, e Thomas) mi sono piaciuti assai meno, non mi hanno dato le stesse emozioni dei primi capitoli con Abby e Travis; ero un po' scontenta di come stava procedendo la serie e poi ho letto Il disastro siamo noi. Infatti sono rimasta colpita dalla storia di Taylor e Faylin perché, man mano che si procede con la narrazione, si discosta molto da quello che abbiamo letto in precedenza: è più sorprendente, più nuovo ma sopratutto secondo me qui vediamo la Jamie McGuire dell'inizio, quella che racconta le difficoltà dei ragazzi, dei nuovi adulti che si ritrovano ad affrontare la vita vera, con tutte le gioie, la libertà e il divertimento, ma anche i problemi, i soldi, il lavoro, la lontananza. Lo ben rappresenta il personaggio di Faylin che prima sembra la solita ribelle ricca che vuole cambiare vita, ma poi scopriamo perché agisce in una certa maniera e perché la sua relazione con Taylor le faccia avere molti dubbi sul ragazzo e su se stessa. Una realtà dura ma con un bel lieto fine - un po' stereotipato e forse alquanto ex machina, ma che i nostri due personaggi meritavano. Sono contenta di questa lettura, davvero! Mi ha dato nuova voglia di proseguire con i prossimi volumi della serie! 
5 stelle 

venerdì 10 novembre 2017

Manga's Corner #14 Ottobre 2017

Buongiorno lettori e ben ritrovati!
Non avevo calcolato che la mia "pausa" sarebbe stata così lunga, ma la vita mi ha costretto a rimandare la pubblicazione di questo post e di altri. Mi metterò d'impegno in questi giorni per far uscire il Wrap-Up di ottobre e una bella recensione di un libro che mi è molto piaciuto (e del quale ho il seguito in mano, quindi XD). Ho girato il video del Book Haul di ottobre che uscirà la prossima settimana sul canale e niente, adesso si parla di manga, nella rubrica completamente dedicata a loro e alle mie letture mangose mensili!
Soddisfatta delle mie letture, di quelle di serie vecchie ma interessanti, come anche di alcuni nuovi capitoli che ho iniziato e spero che anche in futuro continuino ad appassionarmi :)


Noragami 6 di Adachitoka
Siamo nel pieno della battaglia tra la dea Bishamon e il nostro Yato: ci sono ancora degli elementi nascosti che saranno rivelati e una parte molto bella che è legata al passato di Kazuma, uno dei personaggi che più mi sono piaciuti nella serie. Uno invece che non mi piace per nulla è Kugaha che viene perdonato? Boh, a mio parere quella parte non è molto chiara e non mi è piaciuta; dubito che poi ne parleremo ancora nei prossimi volumi, forse sì, o comunque spero che Bishamon e i suoi strumenti divini tornino ad essere presenti, ma questa parte di storia mi pare che si concluda in questo volume anche se alcune cose non sono dette o spiegate bene. Anche perché, il tema principale per i nuovi capitoli si intuisce essere il legame tra Yato e la cara Hiyori....



Noragami 7 di Adachitoka
Un nuovo capitolo di questa serie davvero appassionante. Mi è molto piaciuta la caratterizzazione di Yato, e in questo volume vediamo un lato davvero inaspettato e unico del nostro God On Delivery e inutile dire che lo si apprezza e ama ancora di più. Il suo rapporto con Hiyori si evolve e passa ad un nuovo livello inaspettato, mentre anche Yukine prende la decisione di voler essere ben più di una semplice arma. Il finale è davvero bello, rivela molto sul passato di Yato e del suo legame con l'odiosa Nora (che voglio fuori dalla storia il prima possibile, rovina tutto quello che c'era stato di bello prima). Non vedo l'ora di proseguire la lettura della serie!



Darwin Game 3 di Filippos
Inizia la caccia al tesoro e il primo nemico di Kaname è il temibile Fiorista con le sue piante velenose. Il ragazzo si alleerà con l'Analista per poter sopravvivere e vincere il gioco. Nel mentre la polizia continua inutilmente ad indagare e no, non mi piace questa storia parallela, la trovo inutile e poco convincente. Per il resto dai, la storia procede bene e sta diventando un po' più intrigante ma non sono sicura di voler proseguire questa serie, non mi convince del tutto...



Amarsi, lasciarsi 2 di Io Sakisaka 
Yuna sa la verità su Akari e Rio ed è amica di entrambi, ma tutto cambia almeno in parte quando la ragazza si dichiara allo stesso Rio per poi essere rifiutata. Uno sconvolgimento nei rapporti tra i due che spero continui anche nei prossimi volumi (perché si, hanno fatto la pace, ma non può finire così sinceramente). La parte però più interessante è quella dedicata ad Akari che cerca di fare chiarezza sui sentimenti che provava nei confronti del suo ex, grazie anche all'aiuto di Kazu. Una parte molto interessante e che lascia intuire un nuovo amore per la ragazza. Mi sta appassionando questa serie che è molto riflessiva ma anche dolce nel raccontare due modi diversi di vivere e vedere l'amore. Davvero bella e interessante.



Hatsu Haru La primavera del mio primo amore 6 di Shizuki Fujisawa
Finalmente il nostro Kai bacia e si dichiara a Riko e la ragazza ricambia il suo sentimento, che bello! I due hanno un inizio problematico e un primo appuntamento non proprio perfetto, ma ormai conosciamo i loro caratteri ed è molto dolce vederli (finalmente) insieme. Il bello però arriva sul finale dove il protagonista indiscusso è Taka, il miglior amico di Kai, del quale scopriremo il suo segreto, ossia chi è la persona che ama. E voglio leggere cosa accadrà prossimamente!!



Fairy Tail 52 (di 63) di Hiro Mashima
Si avverte che ci stiamo avvicinando alla fine, che si vuole chiudere del tutto questa nuova saga e l'intera serie. Scopriamo infatti che la meta dei nostri eroi è il pericoloso impero di Alvarez e abbiamo un assaggio dei futuri avversari per la Gilda di Fairy Tail che sono davvero temibili, ma questa volta per davvero e si preannunciano sfide e battaglie molto interessanti. Mi sta giungendo una forte malinconia, mi piace che c'è una sorta di ritorno alle origini, ai primi volumi della serie e che si stanno spiegando tutte le cose rimaste fino ad allora nascoste, in particolare Zeref sta avendo lo spazio che merita perché è rimasto davvero troppo misterioso e nell'ombra e mi sta piacendo molto la sua storia e il suo personaggio.


lunedì 23 ottobre 2017

Confessioni: La mia crisi annuale sul mondo dei blog Riflessioni a cuore spalancato

Iniziamo con una premessa: io scrivo sul blog per passione, per condividere la mia passione per la lettura, di libri innanzitutto, di manga e quant'altro poi. Qualcuno dice che il blog deve trattare degli argomenti che tu decidi, ma non la tua vita privata ma io non sono d'accordo; insomma diamo la nostra opinione su libri, film, musica, trucchi e quant'altro, perché non dovremmo parlare anche dei nostri problemi quotidiani, sopratutto quando questi riguardano anche quello che compare sul nostro blog? Io ho sempre avvisato quando ci sarebbero stati grandi cambiamenti sul blog e anche adesso vorrei condividere con voi alcune cose, anzi una cosa in particolare che mi succede ormai da anni, ossia la mia crisi sul mondo dei blog.

Non è una crisi momentaneamente, non è patologica (almeno spero!) ma ho notato che in questo periodo, ossia nel periodo appena precedente e appena seguente all'anniversario del mio ingresso della blogosfera (avvenuto a metà novembre) mi ritrovo molto a dover pensare a me stessa, al mio blog, al fatto che io ci metto tanto impegno e tempo nello scrivere, nel fare i post, condividerli e autopromuovermi, ma non vedo risultati. È così dall'inizio, non dico che ho avuto un momento di gloria e adesso c'è una decadenza o altre cose. Io non ho aperto il blog con l'intento di diventare famosa o cosa simili; ovviamente guardavo ai grandi blog che un tempo amavo e seguivo assiduamente, mi sarebbe piaciuto vedere persone che mostravano affetto e rispetto per il lavoro che facevano queste persone farlo anche nei miei confronti, ricevere un po' della loro "approvazione" verso quello che io scrivevo, ma non cercavo solo la fama. Volevo condividere la mia opinione sui libri che leggevo, non limitandola a Facebook o Goodreads: il blog era lo strumento perfetto per quello che volevo, per raggiungere un pubblico più ampio che andava al di là di amici e conoscenti.

Ma ben presto ho compreso le diverse meccaniche del blog, del fatto che o parli delle ultime uscite o non va bene; o dai notizie esclusive (prese spesso attraverso canali misteriosi o di preferenza, per non parlare di furti veri e propri dalle case editrici e vi assicuro che è successo anche questo) o non dici nulla di nuovo e interessante; o fai recensioni cattive e offensive o la gente non ti legge. E non nego che all'inizio ho cercato di adeguarmi alla massa, di fare quello che la gente voleva che io facessi e scrivessi. All'epoca non collaboravo con nessuna casa editrice, compravo io tutti i libri che recensivo e stavo per cadere nel tranello di comprare un libro che non volevo né avere né leggere perché era appena uscito e avrebbe fatto "notizia", ma i dubbi mi hanno colto di sorpresa. Come faccio sempre quando mi sento nel dubbio e ho bisogno di consiglio e supporto, chiamai mia mamma e piangendo (per strada, poco fuori dalla libreria) le spiegai a grandi linee il mio dubbio "esistenziale"; lei ha capito poco, lo so - il blog è un mondo per lei sconosciuto e non posso spiegarle tutte le dinamiche che ci sono, spiegarle perché di questo perché di quell'altro, ma mi disse una cosa bellissima, nella sua esasperazione di sentir piangere sua figlia: "Se questa cosa (ossia il blog) ti fa stare male, allora lascia perdere!"

mercoledì 18 ottobre 2017

Italians Do It Better #3 Sage Marlowe (tradotto da Phoenix Skyler), Manuela Cinti, Monika M.


Buongiorno lettori!
Bentornati a questa rubrica che vuole sintetizzare in breve (ma spero in maniera efficace) le richieste di scrittori che mi hanno chiesto di parlare dei loro romanzi. A dire il vero per il primo romanzo mi ha contattato il traduttore, Phoenix Skyler, chiedendomi di parlare di Un bugiardo di talento di Sage Marlowe, un nuovo capitolo per la serie Romeo & Julian; passiamo poi a Manuela Cinti e al suo breve racconto, La vita in un ring, dove i nostri protagonisti combattano in quel ring che è la vita stessa. E delle difficoltà  e pericolosità di un amore non ricambiato sono raccontate da Monika M. in Come un'isola.
Tre romanzi alquanto brevi ma sicuramente intensi dei quali potete scoprire di più continuando la lettura di questo post :)



Titolo: Un bugiardo di talento
Serie: Romeo & Julian #2
Autore: Sage Marlowe
Traduttore: Phoenix Skyler
Casa editrice: Me and the Muse Publishing
Data di uscita: 4 Dicembre 2015
Pagine: 113
Potete acquistarlo qui


L’agente dell’FBI Julian Harris si rende conto che, quando si tratta del suo nuovo consulente Romeo, stare vicino a qualcuno e conoscerlo sono due cose completamente diverse.
Due settimane dopo l’inizio del loro nuovo rapporto lavorativo, Romeo e Julian affrontano il primo caso insieme. Un dipinto rubato non solo richiede le competenze dell’ex ladro di opere d’arte Romeo, ma dà anche l’opportunità a Julian di apprendere di più sull’uomo con cui condivide il letto, sebbene non gli abbia ancora rivelato il suo vero nome. Mentre si avvicinano alla risoluzione del caso, Julian si rende conto che Romeo ha molti più segreti di quanto pensasse, e che potrebbe anche sfruttare il suo nuovo status all’interno della squadra dell’FBI per perseguire i propri obiettivi.
Ancora una volta, Julian segue un percorso ricco di inaspettati colpi di scena nella sua ricerca della vera identità di Romeo: ma come mai ogni volta che si avvicina alla soluzione, la sua stessa vita è in pericolo?

giovedì 12 ottobre 2017

Manga's Corner #13 Settembre 2017

Buongiorno lettori!
Un nuovo mese inizia e quindi ci troviamo a ricapitolare le letture mangose del mese precedente! Troverete come sempre i mie pareri sulle serie manga che ho letto (anche di più volumi perché li ho recuperati) e poi ho un paio di nuovi amici che mi stanno particolarmente appassionando e che voglio farvi conoscere ;)
E voi invece? Rimanete ancorati alle vostre vecchie e care conoscenze o state conoscendo nuove serie imprendibili? Fatemelo sapere nei commenti!



Noragami 5 di Adachitoka
Il volume scorso abbiamo fatto la conoscenza del pericoloso Kagaha che adesso mette in atto il suo piano di uccidere la dea Bishamon con "l'aiuto" dell'ignaro Yato, e per farlo sfrutterà il legame del nostro dio pasticcione preferito con l'umana Hiyori. Un volume pieno di sorprese, come ad esempio il motivo per cui Bishamon odia Yato e viene dato risalto ad un personaggio che mi ha subito colpito e mi piace molto, ossia Kazuma. Non mi aspettavo che questa serie mi prendesse e sorprendesse così tanto, ma sono felice di ciò ed è sempre un piacere appassionarmi ad ogni volume...



Le situazioni di lui & lei 3 di Masami Tsuda
Iniziano i problemi per la coppia Yukino- Arima: gli esami sono arrivati e i risultati non sono particolarmente promettenti e gli insegnati gli richiamano. I due ragazzi uniranno le forze per combattere il giudizio negativo degli adulti supportati dalle loro famiglie che vedono positivamente la loro relazione. Mi sta piacendo molto questa commedia scolastica divertente e romantica. Ci si affeziona facilmente ai suoi personaggi e si vuole che siano felici quindi è un piacere poter continuare a leggere di loro :)



Le situazioni di lui & lei 4 di Masami Tsuda
In questo volume vediamo come la nostra protagonista Yukino debba affrontare ben due problemi: le sue compagne di classe che guidate da Maho non le parlano più, e Tsubasa, una nuova affascinante ragazza che è innamorata di Arima. Mi piace come la ragazza reagisce con furbizia e calma davanti ad entrambe le situazioni e mi piace come finisce il volume con una nuova ombra sul suo rapporto con Arima. Avevo solo sentito nominare questa serie un po' vecchia e devo ammettere che mi sta piacendo, perché il rapporto tra i due ragazzi è molto dolce e reale. Ah, per chi volesse saperlo, nel volume c'è un episodio autoconclusivo dell'autrice dal sapore fantascientifico che non mi ha fatto impazzire ma nella sua brevità è carino e apprezzabile.



Le situazioni di lui & lei 5 di Manami Tsuda
(È l'ultimo giuro XD) Un volume un po' strano perché i protagonisti non sono Yukino e Arima: nella prima parte conosciamo meglio Tsubasa e i suoi problemi con il padre in procinto di risposarsi, un'occasione che permetterà a Yukino di conoscere meglio la ragazza. Poi sul finale scopriamo il retroscena di come i genitori di Yukino si sono conosciuti e innamorati, mentre i dubbi si insinuano nella ragazza sul conoscere davvero Arima... Mi è piaciuto questo volume alquanto corale, ma comunque bello e divertente pur trattando anche dei temi attuali, nonostante sia stato pubblicato quasi vent'anni fa ormai. Questo però dimostra come un'opera seppur distante nel tempo si possa comunque apprezzare e porti anche dei messaggi belli e importanti.



Bungo stray dogs 4 di Kafka Asagiri (storia) e Sango Harukawa (disegni)
Ogni volume di questa serie è una nuova scoperta: mi è molto piaciuto il fatto che dall'ultimo volume si siano allargati gli orizzonti e che adesso ci siano dei nemici che prendono spunto da scrittori occidentali. Davvero una bella trovata! Un punto di forza è anche il fatto che scopriamo qualcosa di nuovo anche su altri personaggi già comparsi ma poco presenti, come ad esempio in questo volume Higuchi e il temibile Akutagawa (si, sono dei cattivi ma hanno indubbiamente un ruolo importante). La mia parte preferita è stata sicuramente il finale con la sorpresona del vero capo della Port Mafia che viene rivelato. Fantastico! Datemi il volume seguente al più presto!



Murcielago 3 di Yoshimurakana
Continuano le avventure della criminale Kuroko che sta indagando su un pericoloso serial killer che toglie la faccia alla sue vittime e per farlo ne rapisce la figlia, lasciandola alla sua compagna di crimine Hinako. Ma la bambina nasconde un segreto davvero temibile e inaspettato... Una serie che mischia benissimo horror e umorismo: Kuroko mi fa morire dal ridere con i suoi comportamenti e anche Hinako dimostra qui di non essere carina e coccolosa ma di nascondere un lato più oscuro. Mi piace come il volume si apre con delle pagine a colori e anche il finale con l'inizio di un nuovo mistero per la nostra criminale preferita... Voglio il seguito perché mi diverto troppo a leggere questa serie che narra una storia davvero originale.



Assasination Classroom 21 (di 21) di Yusei Matsui
La fine è giunta per la classe assassina ed è davvero triste. Certo rimane l'umorismo di fondo che ha sempre caratterizzato questa serie, ma ci sono momenti seri che fanno riflettere e il messaggio che Korosensei ha lasciato ai suoi alunni è molto importante. Bella la storia extra che ha per protagonista Korosensei e una banda di criminali, e poi c'è un episodio autoconclusivo dell'autore che non è perfetto ma piacevole. Arrivati alla fine di questa serie è bene farne un bilancio e il mio è davvero positivo perché con molta semplicità trasmette un bel messaggio non solo ai ragazzi ma secondo me anche agli adulti, in particolar modo a chi insegna che dovrebbe sentirsi maggiormente responsabile del suo ruolo di educatore non solo nelle diverse materie scolastiche ma anche nella vita e nel comportamento dei ragazzi verso loro stessi e gli altri.