f

lunedì 15 ottobre 2018

Le stagioni degli anime #2 Spring & Summer 2018



Buongiorno lettori!
Non ho abbandonato l'idea di scrivere sugli anime stagionali che vedo ma il Destino e la Vita hanno remato contro le mie buone intenzioni. Infatti non sono riuscita a parlare delle mie visioni Spring 2018 decidendo di unirle in un meeeega post con quelle di Summer 2018. E pensando di farlo uscire per settembre ho avuto un po' di impegni con il ricominciare dell'università e non sono stata in forma tanto da mettermi e finirlo per bene per oggi. Insomma spero mi perdoniate il ritardo e che vi piaccia leggere questo post dove (non nego) sono un po' meno specifica nel raccontare la trama e passo direttamente alle mie impressioni sull'anime. Ditemi se vi piace anche così se no per il prossimo appuntamento (tra fine 2018 e inizio 2019, cercherò di essere puntuale promesso!) cercherò di essere più precisa e completa (intanto vi lascio i link delle trame di MyAnimeList, se siete curiosi). 
Ok, scusate la luuuunga introduzione ma adesso si passa agli anime! E voi avete visto queste serie? Il vostro giudizio? Commentate!



Titolo: Darling in the FRANXX
Titolo originale: Darling in the FRANXX
Episodi: 24
Piattaforma in italiano: Crunchyroll 

In realtà questa serie è iniziata a gennaio ma ho iniziato a vederla più tardi perché inizialmente non mi intrigava particolarmente. Ma ne parlavano tutti su Twitter e alla fine mi sono decisa ad iniziarla e mi ha preso molto. Non è una serie priva di difetti e di WTF, ma sopratutto la prima parte (fino all'episodio 15 circa) la storia procede molto bene, regolare e con una sua logica mentre gli ultimi episodi... Un po' affrettati? Se anche c'è un perché questo non viene spiegato bene come dovrebbe? Troppe cose sottintese e non dette? Si, purtroppo. E' una serie piacevole, senza neanche troppe pretese e che si può comunque apprezzare. Ci sono dei personaggi interessanti e variegati (anche se non tutti sfruttati allo stesso modo), ma c'è divertimento, azione, intrigo e sentimenti e quindi credo che possa essere una buona visione per tutti.



Titolo: Cute High School Earth Defence Club Happy Kiss
Titolo originale: Binan Koukou Chikyuu Boueibu Happy Kiss
Episodi: 12
Piattaforma in italiano: Crunchyroll 

Lo scorso autunno mi sono gustata la serie Binan Koukou Chikyuu Boueibu LOVE che è una serie bellissima e divertentissima che prende in giro il genere delle maghette. Questa serie è un sequel/revival che in maniera sottile e divertente si ricollega alla serie precedente, ma ha nuovi personaggi e situazioni. Ho adorato i protagonisti, sopratutto Kyotaro che dovrebbe essere IL protagonista ma in realtà è così pigro e svogliato che... boh, in ogni caso (incredibilmente) riesce sempre a sistemare la situazione. Insomma la serie molto bella e divertente, ma spero ci sia un seguito perché non sono stati analizzati bene tutti i personaggi principali (incredibilmente i buoni mentre i cattivi sono stati quasi tutti ben presentati e raccontati), che meriterebbero spazio e/o di essere spiegati un po' di più. Consiglio questa serie ma sopratutto di vedere le precedenti (denominate LOVE) proprio per apprezzare meglio Happy Kiss e le situazioni assurde che si ripetono (non copiate, quanto più che c’è un certo trend che si ripete in maniera sempre assurda ma divertente).



Titolo: Magical Girl Ore
Titolo originale: Mahou Shoujo Ore
Episodi: 12
Piattaforma in italiano: Crunchyroll

Il potere dell'amore è così incredibile che ti fa cambiare sesso. Infatti la protagonista Saki dichiarando il suo amore per Mohiro diventa una maghetta... maschio. Accompagnata dalla fedele Sayuki (che ha una cotta per lei!) le due affronteranno terribili nemici e il difficile mondo delle idol. E cercheranno di capire perché Mohiro è una vera e propria calamita per i demoni! Io ho adorato questa serie già dalla sua premessa. Vedendola poi ho davvero adorato perché c'è tantissimo fanservice e divertimento. Situazioni assurde e ridicole, doppi sensi e tutto il resto, e la rivelazione finale del nemico... adorato! Insomma una parodia davvero ben riuscita e carina, sopratutto a livello di storia (l'animazione a volte perde, ma anche li in alcuni casi la cosa è stata risolta incorporandola con la storia raccontata in maniera quasi geniale). Dovreste aver capito che io amo questo genere di storie un po' ridicole, le adoro davvero tanto anche perché infondo trattano anche dei temi importanti e danno anche dei bei messaggi. E le risate non sono affatto da sottovalutare.

sabato 13 ottobre 2018

Manga's Corner #28 Volumi Unici Marie Kondo, Fumiyo Kono e Tsuruta Kenji


Buongiorno lettori!
Ho creato We Are Number One e This Is The End per parlare dei primi e ultimi volumi di una serie, ma i volumi unici? Eh, o mi inventerò qualcosa (si accettano suggerimenti) oppure dovrò continuare a sfruttare Manga's Corner e fare degli speciali come questo dove vi parlerò di alcuni volumi unici che ho letto. Questo appuntamento raccoglie tra manga davvero diversissimi che ho comunque apprezzato. Iniziamo dal manga del Magico potere del riordino di Marie Kondo, per poi passare al manga di Fumiyo Kono che racconta il disastro di Hiroshima in maniera unica ma potente e per finire un salto nella magica Venezia disegnata da Tsuruta Kenji...
Pronti a scoprire questi volumi con me?



La magia del riordino Una storia d'amore illustrata di Marie Kondo
Ho sempre voluto leggere Il magico potere del riordino perché qualche anno fa se ne parlava dappertutto ed essendo una persona disordinata ero curiosa di leggere i consigli della Kondo. Questa primavera avevo trovato la notizia che sarebbe uscito un manga legato a questo libro e mi aveva divertito la cosa e avevo deciso che lo avrei letto senza dubbio (e al diavolo il manuale!); sapevo che era uscito in italiano e quando l'ho trovato nella libreria del mio paese l'ho preso senza pensarci due volte. Questo breve manga parla di Chiaki che ad un certo punto si rende conto che la sua casa è piena di cose, disordinata ed è quasi impossibile viverci ormai. Non può far altro che rivolgersi a KonMari, la nostra cara Marie Kondo, che le insegnerà tutti i segreti del magico potere del riordino. E mentre Chiaki con l'aiuto di KonMari mette ordine al suo appartamento, mette ordine anche alla sua vita e a quello che vorrebbe fare ed essere... E' una storia davvero molto carina e simpatica, con dei bei disegni semplici ma anche efficaci; i dubbi e le perplessità sul metodo KonMari di Chiaki sono stati i miei stessi e forse anche i vostri: infatti il metodo KonMari viene spiegato con molta semplicità e non so se nel libro originale c'erano disegni ma devo dire che sono stati utili per capire ad esempio come piegare i vestiti. Insomma, questo metodo di riordino è ben presente ma non in maniera troppo forzata, tranne forse alcune cose che sono risolte e narrate in maniera un po' semplicistica e che non tiene da conto di alcune cose (e sì, sto parlando della parte dei libri), ma ha il suo perché. Mi è rimasta la curiosità di leggere il libro originale per capire meglio alcune cose ma intanto personalmente ho trovato alcune idee e alcuni spunti alquanto interessanti e non nego che quando ho riordinato i miei vestiti appesi ho tenuto a mente i consigli di KonMari. Insomma, la storia di Chiaki e quella di KonMari si mischiano molto bene, credo che questo manga si possa apprezzare anche senza aver letto altri libri di Marie Kondo e senza diventare suoi fedeli seguaci perché è una storia bella, con una bella conclusione e con il cambiamento della protagonista non solo nel mettere ordine alla sua casa ma anche alla sua vita e su cosa è importante e cosa no.
4 stelle

lunedì 8 ottobre 2018

Manga’s Corner #27 Settembre 2018


Buongiorno lettori!
Un po' in ritardo esce un nuovo appuntamento di Manga's Corner! Per il Wrap-Up dovrete aspettare il prossimo mese, ma per i manga no: pochi ma buoni. Ho letto il proseguo di serie che mi piacciono molto e che sto leggendo con piacere e con ancora più piacere condivido con voi la mia opinione. E voi che avete letto di bello per iniziare bene l'autunno? Ditemelo nei commenti!

We Are Number One:


This Is The End:



Nana & Kaoru 2 (di 18) di Ryuta Amazume
La povera Nana è in giro a fare shopping con una sua amica e con la corda di Kaoru legata intorno al suo corpo. Riuscirà la ragazza a non far scoprire il suo segreto? E Kaoru verrà o no in suo soccorso? Le disavventure erotiche di Nana e Kaoru continuano e in questo volume vediamo in maniera più chiara i sentimenti del ragazzo e di come voglia davvero far si che la ragazza esplori la sua sessualità e capisca il suo fascino che tutti i maschi della scuola conoscono bene. Con una macchina fotografica e le corde, Kaoru mette davvero a dura prova la fiducia di Nana, ma così la ragazza capirà che non può fare a meno delle sensazioni che il ragazzo le fa provare... Un bel volume, mi sta piacendo questa serie perché c'è senza dubbio molto erotismo (e questo volume è sicuramente più esplicito del precedente), ma non volgare. Inoltre ci sono tante situazioni e momenti divertimenti, l'imbarazzo dei nostri protagonisti verso le pratiche sadomaso. Bella anche la storia extra che dimostra come infondo (infondo infondo infondo) c'è una sotto-trama romantica che spero si sviluppi anche nella storia principale.



Battle Royale 2 (di 15) di Koushun Takami (storia) e Masayuki Taguchi (disegni)
Il Program è iniziato e si capsice ben presto che per molti studenti non sarà un problema uccidere i propri compagni, come il temibile capo dei teppisti Kiriyama. Shunya dal canto suo continua a sperare di potersi alleare con i suoi amici per poter salvare tutti, ma Kawada mette lui e Noriko di fronte alla dura realtà, promettendo però di salvare almeno loro tre. Intanto due compagne chiamano a raccolta gli altri con l'augurio di allearsi, ma chi risponderà al loro invito? Ancora tensione e imprevedibilità: anche se si conosce già il tragico destino dei diversi personaggi la narrazione e le immagini non stufano, ma anzi appassionano ancora di più il lettore portandolo a proseguire la lettura. Una storia che ha dei protagonisti assoluti ma anche personaggi secondari ben raccontati: i diversi compagni di classe hanno il loro spazio, una loro storia e sono anche ben spiegati i loro legami e il loro passato. Non è facile gestire così tanti personaggi, ma gli autori ci riescono e anche molto bene a mio parere. Mi piace molto anche la mappa finale dei luoghi della vicenda che è un buon riepilogo per capire dove si trovano i nostri personaggi e cosa è successo in quel luogo. 



Battle Royale 3 (di 15) di Koushun Takami (storia) e Masayuki Taguchi (disegni)
Shuya vuole evitare morti inutili, mentre Kamon scommette su chi sarà il vincitore del Program, tenendo d'occhio i concorrenti più promettenti. Shuya non è il solo a combattere: Mimura sfrutta la sua intelligenza informatica per trovare un modo di fuggire ai pericolosi collari e al controllo di Kamon, ma intanto compaiono nuovi protagonisti come Yoshimi, compagna della bella ma pericolosa Mitsuko o l'esperto di arti marziali Sugimura alla ricerca di qualcuno... Un volume avvincente come i precedenti, con tanta tensione, crudezza e violenza. E' bello vedere i diversi punti di vista dei personaggi, cosa li anima nella lotta e il legame con il passato e con altri personaggi che odiano o amano a seconda delle situazioni. Particolare è l'extra dedicato a Mitsuko che mostra tutta la sua pericolosità e come non ha problemi a sfruttare gli altri e il suo copro per ottenere quello che vuole. Devo dire che ci sono molti punti che nel libro non hanno così grande spazio, ma qui vengono ben raccontati e aggiungono/spiegano molto dei diversi personaggi della loro psicologia e le relazioni con gli altri compagni di classe.

sabato 6 ottobre 2018

Italians Do It Better #4 Ottobre 2018


Buongiorno lettori!
Ho deciso di cambiare il modo di presentare i libri che gli autori mi chiedono di segnalare sul blog perché mi è difficile stare dietro a tutti XD Insomma penso che sia più comodo per me e interessante anche per voi vedere in un unico post mensile le uscite e le segnalazioni che mi arrivano. Almeno lo spero quindi fatemelo sapere se vi piace ;)
Oggi vi parlo di due autori: Damiano Dario Ghiglino e il suo ultimo romanzo a tematiche LGTBQ e di Kimberly Knight, autrice americana che ha pubblicato in italiano ben due suoi romanzi (e ne usciranno altri prossimamente quindi #staytuned). Scoprite questi nuovi romanzi continuando la lettura del post!



Titolo: Il sole d'agosto sopra la Rambla
Autore: Damiano Dario Ghiglino 
Casa editrice: Self publishing 
Data di uscita: 8 novembre 2017
Pagine: 115 pagine
Prezzo: 3,99 (ebook); 10,40 (cartaceo)


Sono i giovani tramonti, fragili e tenaci, ragazzi gay dai cuori spezzati impressi indelebilmente sullo sfondo di una Barcellona sotterranea. Ognuno alla ricerca di qualcosa e in fuga da qualcosa, ognuno con le proprie paure e i propri segreti. Tra prostituzione e dipendenze, locali malfamati e preti pedofili, nostalgie e desideri brucianti, passioni e tenerezze passeggere, in attesa di quell'evento imprevedibile che cambierà per sempre le loro esistenze, cercheranno di fermare il tempo per vivere unicamente il presente ed attendere l'amore in quella dimensione, così sfuggente ed ambigua, dell'istante stesso. Eppure quando un sentimento forte e sconosciuto si farà strada nei cuori dei diciottenni David e Borja, i più giovani del gruppo, la diffidenza e lo stupore lasceranno progressivamente spazio ad una coscienza sempre più profonda e ostinata. Romantico e spietato al tempo stesso, questo romanzo rappresenta il ritratto psicologico di una generazione smarrita alla quale il futuro si presenta come imperscrutabile.

venerdì 28 settembre 2018

Review Tour "Il principe crudele" di Holly Black



Buongiorno lettori!
Sono molto felice di partecipare al Review Tour di questo romanzo di Holly Black, autrice della quale ho sentito tantissimo parlare ma della quale non ho mai letto nulla finora. E avevo sentito tanto parlare di Il principe crudele già alla sua uscita americana e sono stata felce di leggere questo romanzo in italiano (che bello che poi la copertina è rimasta quella originale, vero?). Pronti ad entrare nel regno delle fate? Vi avviso che è un po' diverso da quello che vi aspettate...

(Una copia digitale del romanzo mi è stata fornita da Mondadori Libri per la recensione) 


Titolo: Il principe crudele
Serie: The Folk of the Air #1 
Autore: Holly Black
Casa editrice: Mondadori
Data di uscita: 25 settembre
Pagine: 313
Prezzo: 9,99 (ebook); 18 (cartaceo)


Jude era solo una bimba quando i suoi genitori furono brutalmente assassinati. Fu allora che sia lei che le sue sorelle vennero rapite e condotte nel profondo della foresta, nel mondo magico. Dieci anni dopo, l'orrore e i ricordi di quel giorno lontano e terribile ormai sfocati, Jude, ora diciassettenne, è stanca di essere maltrattata da tutti e soprattutto vuole sentirsi finalmente parte del luogo in cui è cresciuta, poco importa se non le scorre nemmeno una goccia di sangue magico nelle vene. Ma le creature che le stanno intorno disprezzano gli umani. E in particolare li disprezza il principe Cardan, il figlio più giovane e crudele del Sommo Re. Per ottenere un posto a corte, perciò, Jude sarà costretta a scontrarsi proprio con lui, e nel farlo, a mano a mano che si ritroverà invischiata negli intrighi e negli inganni di palazzo, scoprirà la sua propensione naturale per l'inganno e gli spargimenti di sangue. Quando però si affaccia all'orizzonte il pericolo di una guerra civile che potrebbe far sprofondare la corte in una spirale di violenza, Jude non ha esitazioni. Per salvare il mondo in cui vive è pronta a rischiare il tutto per tutto.



Chi non ha mai voluto fare un salto nel mondo delle fate? Beh, Jude e le sue sorelle sono state costrette a farlo per seguire loro padre e il mondo magico non è poi così bello e accogliente per gli esseri umani. Jude però è determinata a lottare e a trovare il suo posto in questo mondo, dove, con l’avvicinarsi dell’incoronazione del nuovo Re, vengono alla galla vecchi misteri e rancori. Perché il trono delle fate è più ambito di quello che uno penserebbe vedendo i vari membri reali e tutti gli esseri magici nella loro spensierata vita quotidiana. Jude dovrà decidere da che parte stare, a chi offrire i suoi servigi e capire se il mondo magico è dove vuole stare...

Le premesse di questo romanzo sono molto buone, mi hanno intrigato fin da subito perché c’è una buonissima caratterizzazione del mondo delle fate, che ci viene presentato con dovizia di particolari e con molta varietà. Ci è familiare e allo stesso tempo estraneo, ci sono elementi che conosciamo da vecchie storie e altri completamente nuovi (almeno per me che non conosco tantissimo le storie tradizionali anche se mi hanno sempre affascinato). Mi è piaciuto sopratutto il fatto che sia un mondo sì etereo e bellissimo, ma allo stesso tempo pericoloso, oscuro ed ostile sopratutto verso gli esseri umani. Vedere le angherie che Jude deve sopportare quasi quotidianamente da parte del mondo magico è davvero toccante per il lettore, ci si relaziona molto e forse uno potrebbe trovarci un'analogia con la nostra quotidianità dove chi è diverso è sempre preso di mira, subisce bullismo e violenza. Metafore a parte, mi piace questo aspetto, proprio perché va contro l’idea che il mondo delle fate sia bellissimo, perfetto e accogliente, quando invece, togliendo la magia e gli esseri delle più diverse razze magiche, non è poi tanto diverso dal nostro mondo...

mercoledì 26 settembre 2018

This Is The End: Bugie d'aprile


Buongiorno lettori!
Quando arriva la fine di una serie piangiamo almeno un pochino, non è vero? Poi se la serie è già toccante ed emozionante di suo, che scenda qualche lacrimuccia è scontato. Io temevo un pochino di leggere gli ultimi volumi di Bugie d'aprile, serie manga, dalla quale è stato tratto anche un anime, dove la musica è il collante per i suoi protagonisti e la loro evoluzione. In questo episodio di This Is The End vi parlerò degli ultimi tre volumi di questa toccante ed emozionante serie e vi invito a leggere questo post per scoprire cosa accadrà ad Arima e Kaori. Ah, scontato che potrebbero esserci degli spoiler, ma se non li temete proseguite la lettura, mi raccomando!


Titolo: Bugie d'aprile di Naoshi Arakawa
Titolo originale: Shigatsu wa kimi no uso 
Edizione italiana: Star Comics, 11 volumi disponibili
Status: Completa, 11 volumi



Bugie d'aprile 9
Arima dopo la rivelazione del peggioramento della malattia di Kaori non vuole più incontrare la ragazza. Dopo tante riflessioni decide di far parlare la sua musica e approfitta del Festival della scuola di Nagi per esibirsi con la ragazza. Sarà però la piccola Nagi a rendersi conto del potere della musica e di tentare con la sua esibizione di toccare il cuore del fratello e non solo. Un bel volume, sopratutto per la parte dedicata a Nagi e ai sentimenti della ragazzina. La parte di Kaori ha solo immagini, non parole e nonostante la poesia che è molto bella ma personalmente vorrei una qualche spiegazione in più. C'è molto sentimento e sofferenza e ho paura di proseguire la lettura di questa serie e arrivare alla sua conclusione...

lunedì 24 settembre 2018

Recensione: "Stars Noi stelle cadenti (The brightest stars)" di Anna Todd

Buongiorno lettori!
Sapete sono rimasta stupita quando Social Butterfly PR mi ha contattato per recensire l'ultimo romanzo di Anna Todd, dal titolo in inglese The Brightest Star uscito però anche in italiano col titolo Stars Noi stelle cadenti. Lo dico perché ho letto la versione inglese e mi esprimerò su questa, non sapendo come è la versione italiana e se mai la leggerò (forse si dai, più avanti...). Quindi anche se vi lascio la copertina italiana e la trama (ovviamente in italiano), ma la mia recensione sarà sulla versione originale di questo romanzo di Anna Todd che si discosta dal mondo di After...

(La copia digitale in lingua inglese mi è stata fornita Social Butterfly PR)


Titolo: Star Noi stelle cadenti
Titolo originale: The brightest stars
Serie: Karina and Kael #1
Autore: Anna Todd
Casa editrice (italiana): Sperling & Kupfer 
Data di uscita: 11 settembre 2018
Pagine: 312
Prezzo: (edizione italiana) 8,99 (ebook); 17,90 (cartaceo) - (edizione inglese) 5,17 (ebook); 15,21 (cartaceo


Karina ha vent'anni, ma ha già imparato sulla propria pelle quanto la vita possa essere complicata e le relazioni fragili. Per questo, dopo il divorzio dei genitori e anni di traslochi da una città all'altra per via del lavoro del padre, ora è in cerca con tutte le sue forze di certezze e stabilità. Per ricominciare ha scelto un lavoro tranquillo e un piccolo appartamento, bisognoso di qualche riparazione, come il suo cuore, che da tempo si è decisa a non ascoltare. Un giorno, però, incontra Kael, che l'attira a sé con i suoi modi gentili e rassicuranti. Kael è riservato, paziente e un ottimo ascoltatore. Quando è con lui, i dubbi e le insicurezze di Karina si dissipano e il rumore della sua vita caotica sembra magicamente affievolirsi. Ma Kael non è quello che sembra. C'è qualcosa sotto quella facciata calma e rasserenante, uno spirito ribelle, che non sa stare dentro schemi troppo rigidi. Per Karina, però, è ormai troppo tardi e, nonostante la sua ostinata resistenza, si trova coinvolta in un nuovo vortice, in un nuovo mondo ancora più oscuro del suo, e pieno di passione.


Una cosa che la trama italiana non sottolinea che invece, a mio modesto parere, è molto importante (e presente nella trama originale) è il fatto che Karina ha vissuto una vita militare: gli spostamenti del padre da una base all'altra dell'America l'hanno segnata, non permettendole di crearsi dei legami che solo ora, adulta e indipendente sta cercando di fare. E anche il suo incontro con Kael è legato alla vita militare, perché lui è un soldato rientrato dall'Afghanistan, segnato dalla sua missione e da quello che ha vissuto. Credo che sia una cosa importante da sottolineare proprio perché il legame con l'esercito, un legame di odio e amore per i protagonisti ma anche per gli altri personaggi più o meno secondari, è molto importante se non fondamentale per tutta la storia, sopratutto nella parte finale.

Devo dire che è la prima volta che leggo qualcosa di Anna Todd in originale, ma non è stato particolarmente difficile, anche perché è un linguaggio moderno, con espressioni comuni e anche le situazioni narrate sono comprensibili, tranne forse il linguaggio più legato all'ambiente militare per ovvi motivi. Per il resto ho avuto ben presto dei dubbi su dove la storia voleva andare a parare, non capivo cosa voleva raccontare. L'aspetto romantico arriva molto dopo, in maniera lenta e per come inizia la storia e sembra procede, pensavo che il focus sarebbe stato sulla psicologia di Karina e Kael: la prima che si vuole allontanare dal padre e dimenticare la madre che l'ha abbandonata, e il secondo che deve ricominciare la sua vita lontano dalla guerra. Diciamo inoltre che per gran parte del romanzo ho creduto che era un volume autoconclusivo quando invece è parte di una trilogia. A metà del libro, infatti, mi sono resa conto che la storia stava procedendo troppo lenta e con calma per finire decentemente (e non nel senso di lieto fine) e poi ci sono dei colpi di scena che sconvolgono quell'equilibrio che Karina e Kael si erano creati, mettendo dei dubbi nella loro relazione e aggiungendo tensione, mistero e paura per i due protagonisti e i famigliari della ragazza sempre presenti sullo sfondo.